Mercedes-Benz Italia.

Si chiama Blue Efficiency, parla di auto e ambiente, appoggia il marchio sull’erba verde e dice in premessa che arriveranno all’auto ad emissioni zero.

Detta così sembra un bel tentativo 2.0 di rifarsi la verginità (qualcuno diceva ‘quando in pubblicità arrivano i cieli azzurri vuol dire che il committente ha serie responsabilità ambientali’), ma queste righe non sono negative, anzi.

Non sono mai negativo quando un’azienda decide di aprirsi al dialogo, e se l’azienda è un marchio ipernoto e di alta reputazione come questo, ritengo che la soddisfazione debba essere doppia: per l’apporto qualificato che può venire alla conversazione da parte di un brand autorevole, e per l’indiretto beneficio che trae il marketing dell’ascolto dalla presenza di un così autorevole marchio.

Detto questo (e verificato che il blog è strutturato nel giusto modo, con tutte le best practice al posto giusto – e ci mancherebbe, siamo nel 2009 mica nel 2003), viene da chiedersi su quali basi si fa un blog automobilistico puntato tutto sull’ambiente senza rischiare la deriva dell’ottimismo buonista e approssimativo, o – peggio – la sgradevole sensazione del facile opportunismo sull’unico tema che ha qualche pallida possibilità di avvicinare la gente alle concessionarie: la sostenibilità ambientale.

Insomma, vedendo un blog così, viene da farsi la stessa domanda che si è posto un lettore: ‘ci sono statistiche dell’effettiva sostenibilità delle Mercedes rispetto ad altre auto?’
Prendiamo nota che Mercedes ha risposto puntualmente, e ha risposto che non lo sa.
Questo depone a loro favore.

I miei due centesimi: lo fanno perché ci credono e ci investono veramente, altrimenti non ci si metterebbero nemmeno.

Ovviamente la blogosfera (cioè i consumatori) li marca e li marcherà stretto, sappiamo tutti che non è Legambiente nel blogroll che fa di una marca un protagonista ecosostenibile dei mercati.

About these ads

Tag: ,

Una Risposta to “Mercedes-Benz Italia.”

  1. Mercedes 2.0 – Conversazione per l’ambiente e marketing dell’ascolto | Try it again, Mike! Says:

    [...] notizia l’ho letta qui … other posts by [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: